Abusivismo odontoiatrico, il rischio di rivolgersi ad un falso dentista

Blog

12/06/2019

Abusivismo odontoiatrico, il rischio di rivolgersi ad un falso dentista

L'abusivismo odontoiatrico, ossia i sedicenti professionisti che si spacciano per dentista e odontoiatra senza averne i titoli professionali, è un fenomeno pericoloso che mette a rischio la salute dei pazienti.

Abusivismo odontoiatrico, il rischio di rivolgersi ad un falso dentista

Nel settore odontoiatrico purtroppo il rischio di imbattersi in falsi dentisti è particolarmente alto. Si è calcolato infatti che su circa sessantamila dentisti presenti in Italia, ce ne sono circa  quindicimila che forniscono ad ignari pazienti prestazioni mediche in modo irregolare, il che rende l’abusivismo odontoiatrico un problema serio, poiché si rischia di mettere in pericolo la salute dei pazienti.

Conosciamo l’odontoiatra abilitato

L’odontoiatra o dentista è un professionista specializzato nei problemi della salute orale e svolge la sua attività in uno studio odontoiatrico. Deve possedere una laurea in  Odontoiatria o in  Medicina e Chirurgia precedente al 1980, essere iscritto in tutti i casi abilitato alla professione professionale ed iscritto all’Albo degli Odontoiatri della provincia in cui esercita presso l’Ordine dei Medici che ne controlla la preparazione e la serietà del comportamento. La laurea e l’abilitazione professionale devono essere esposte all’interno dello studio medico ed è l’unico abilitato ad operare nel cavo orale del paziente.

Conosciamo l’odontotecnico

Detto anche “meccanico dentista” è un artigiano specializzato che costruisce protesi dentarie commissionate dall’odontoiatra. Non ha una laurea, ma un diploma presso un Istituto professionale per l’Industria e l’Artigianato; deve essere iscritto alla camera di commercio e Artigianato e deve operare in un laboratorio odontotecnico dove ricaverà dalle impronte fornite dall’odontoiatra protesi su misura per i pazienti. L’odontotecnico non può mai, nemmeno in presenza del dentista, effettuare alcuna manovra nella bocca del paziente, poiché in quel caso effettua un esercizio abusivo di una professione che non conosce né possiede l’obbligatoria abilitazione.

Chi è il dentista abusivo?

E’ colui che si spaccia per dentista e odontoiatra senza averne i titoli professionali; talvolta può operare all’interno di uno studio odontoiatrico in presenza di un odontoiatra o medico compiacente. Approfittando della buona fede del paziente, lo mette in pericolo poiché non ha nessuna nozione di igiene, né conosce i rischi di trasmissione di patologie legate alla trasmissione per contatto di sangue come Epatiti ed AIDS, né sa come applicare la protesi al paziente, né tantomeno sa cosa fare nel caso in cui il paziente abbia una reazione allergica o problematiche relative alla coagulazione.

Inoltre è privo delle conoscenze per sviluppare un adeguato pianto terapeutico, volto ad agire al meglio per il paziente (ad esempio: estraendo un dente che può essere semplicemente otturato o devitalizzato o peggio non riuscire a cogliere i sintomi di tumori o patologie del cavo orale che se trascurate possono essere potenzialmente letali).

Per questo è pericoloso per la salute di chi si rivolge a lui e pertanto va denunciato ai Carabinieri (che invieranno i Nas ad effettuare un sopralluogo), all’associazione ANDI (l’Associazione Nazionale dei Dentisti Italiani), all’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri o alla Magistratura.

Stesso discorso vale per un laureato in Medicina o Odontoiatria che non è iscritto all’albo: anche in quel caso esercita abusivamente la professione.

Come riconoscere un dentista abusivo?

In realtà, tramite internet è abbastanza semplice verificare se il professionista scelto è iscritto o meno all’albo degli Odontoiatri; tramite il sito FNOMCeo( Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici e degli Odontoiatri ) si inserisce il cognome ed il nome del professionista, e da lì rimanda alla schermata dove ci saranno tutti i dati relativi all’iscrizione alla provincia in cui esercita, all’albo, alla laurea e all’abilitazione. Sempre su questo sito è possibile verificare anche le abilitazioni relative ai medici. Nel caso in cui il professionista non compaia su questo elenco (che viene aggiornato con cadenza periodica) o non risulti che sia abilitato, vuol dire che siamo in presenza di un abusivo, da segnalare agli organi competenti.

Abusivismo odontoiatrico sanzioni

Dallo scorso anno (ossia dall’entrata in vigore del DDL Lorenzin) le pene sono state molto inasprite: per chi pratica esercizio abusivo della professione sanitaria, si rischia un periodo di reclusione che va dai 6  mesi ai 3 anni di carcere, con multe fino a 50 mila euro.

Per i prestanome, ossia gli iscritti all’albo che favoriscono l’esercizio abusivo della professione, potrà subire una reclusione da 1 a 5 anni di carcere, con multe che oscillano fra i 15 mila ai 75 mila euro e l’interdizione dell’attività da parte dell’ordine per un periodo da 1 a 3 anni.

Infine, le pene saranno accompagnate da confisca immediata ed automatica delle cose che “servirono o furono destinate” a commettere l’illecito, proprio per evitare che una volta scontata la pena si riprenda a far danni ad ignari pazienti.

Iscrizione Ordine Dei Medici N° 26392 Iscrizione Albo odontoiatri N° 2393

© 2014 I Studio Del Deo I Via Francesco Cilea, 112 - 80127 I Napoli - Campania - +39 081 5603149
studio.deldeo@gmail.com I P.iva 06644220631 | Privacy - Cookie - Webmarketing